Home » INTERROGAZIONI, MOZIONI E PROPOSTE » W San Rocco Mille91

W San Rocco Mille91

Della querelle Sindaco Michele Miglionico, Amedeo Minghi incominciamo ad esserne stufi. Del resto il rieletto sindaco di Satriano non perde occasione pur di strumentalizzare qualsiasi cosa per ottenere visibilità mediatica. Ma volersi ergere a paladino della satrianesità offesa è a dir poco esagerato. Non vogliamo entrare nel merito, poco interessante se Minghi abbia offeso qualcuno. Noi non l’abbiamo sentito.! Del resto il reale problema è che delle migliaia di visitatori presenti a  Satriano la sera del 16 agosto, nessuno ha sentito nulla. Di persone a Satriano, quest’anno, nel corso ce ne erano tantissime. Nel corso. Nella piazza, No, perché il vero problema è che la piazza a Satriano il 16 agosto non esiste piu’. Talmente bella, ma piccola per ospitare palchi sempre piu’ grandi ed artisti, purtroppo piccoli. Il problema piazza a Satriano è reale. Complicato dalla presenza della caserma dei carabinieri che impone la allocazione dei palchi sempre piu’ all’interno dello spazio che dovrebbe ospitare gli spettatori. Difatti ogni anno lo spazio per i fans di qualche attempato interprete sanremese si riduce sempre di piu’. Perché il sindaco invece di difendere chi non si è nemmeno accorto di essere stato offeso, non pensa a delocalizzare la caserma dei carabinieri, considerato che è impensabile pensare ad un’altra piazza per i festeggiamenti. Aver voluto portare alla ribalta una questione così effimera non ha fatto altro che ingigantire il problema. Quello che era noto ai pochi 300 o 400 persone che riescono a seguire il concerto di San Rocco, ora è noto in tutta la regione. Si sa che mediaticamente passa il peggio. Ovvero, Minghi ha offeso Satriano. Bella trovata comunicativa. Perché non si ragiona invece sulla utilità effettiva dei festeggiamenti con cantanti, dall’alto cachet e dal poco ritorno per le comunità. Il sindaco poi dovrebbe smetterla di inserire i festeggiamenti di san rocco nel cartellone, laico, della giunta comunale. La festa di san rocco esisteva già prima del suo insediamento. Non si era mai visto che una amministrazione se ne appropriasse. La smetta in futuro, il sindaco, di inserirlo nel cartellone della ex estate satrianese, ora arte e spettacolo. Già il sindaco ha anche cambiato la toponomastica del paese. Satriano, secondo lui, si chiama, ora, Satriano di Lucania arte e spettacolo. La festa viene realizzata con il contributo di tutti i satrianesi. Dei tanti emigranti. Anche quelli che non votano al giunta Miglionico. La festa di san rocco è satrianese e delle tante migliaia di persone che vi partecipano venendo da fuori, notevole anche quest’anno la presenza di tintesi, da sempre grandi devoti del santo, non delle amministrazioni comunali. Il grande insulto per i satrianesi e per i devoti di San Rocco, è stato quello di protrarre l’ostensione di uno striscione votivo alla sua vittoria amministrativa, frutto di una palese mancanza di rispetto e di sindrome di onnipotenza, recante la scritta grazie Mille91 che ha costretto le processioni religiose e quella di San Rocco a passarci sotto, nonostante le luminarie ed a inchinarsi, visto che i portantini hanno dovuto leggermente abbassarsi per non impigliarsi. Tanto che qualche spiritoso ospite di un paese vicino ha affermato ad alta voce: a Satriano hannu cambià sant, mo se chiama santi rocche mille91. Questo è mancanza di rispetto. Perché non chiede, lui, scusa ai tanti cittadini satrianesi che si sono sentiti offesi da tanto spregio per le tradizioni. L’offesa è aver visto un corso deturpato da barriere anti traffico, inutili. Offensivo è aver visto inaugurare un parcheggio, pensato da altri, stravolto con pochi posti macchina e senza servizi pubblici. Come previsti in origine. Satriano è uno dei pochi paesi senza bagni pubblici. Offensivo è aver utilizzato, invece che i fondi della ex legge Tognoli, i soldi delle royalties togliendoli alla loro reale destinazione, lo sviluppo economico ed occupazionale del paese.

Sindaco Miglionico la smetta di percorrere strade medianiche impervie, ridicole per contenuti ed argomentazioni, pensi ai problemi reali del paese, la smetta di fare l’animatore di stesso anche perché  non l’ha mai fatto.

Se poi qualche cantante farà la prima donna, non è argomento da dover riempire le pagine dei giornali. Lasci lavorare i comitati patronali che da sempre a Satriano hanno svolto bene e con passione il loro mandato. La festa di san rocco non è sua, ne della giunta comunale. Se si considera il fatto, poi che avete destinato solo 2.000 € alle feste di san rocco, finanziando ad iosa un’ evento che in questa edizione ha messo insieme si e no 300 presenze a serata. Pensate ai problemi reali ed al mandato che la cittadinanza vi ha consegnato. Questa stupida pubblicità non va a vantaggio suo, ma solo del signor Minghi.

tonino iallorenzi

post scriptum, CARO ORONZO CANA’, chiedo scusa agli amici del blog, se vi trivio con questa pubblicazione che,  potrà sembrarvi inutile ed anche scurrile, ma vorrei farvi conoscere un personaggio che da mesi invia invettive su questo blog di ogni genere, lo abbiamo sempre ignorato ma credo che oggi sia arrivato il momento di presentarlo alla ribalta degli internauti, come  merita, rispondedogli speriamo voglia uscire allo scoperto con un nome ed un cognome e continuare questo esercizio dialettico. Infatti un blog ha questo scopo raccogliere commenti di ogni genere anche quelli negativi.

io qualche errore di battitura, lo commetto sempre, scrivo di getto, non correggo mai, ho la presuzione, mannaggia di essere perfetto, di non dovere mai sbagliare, invece lo faccio sovente, tu, invece, sei un errore, genetico, traduco , avendo, tu, pochi neuroni, traduco, poche cellule celebrali, sei tutto un errore, quando cammini, quando ti alzi, etc.

Ti vedo, ti immagino anche, sulla trentina, sfigato, spelacchiato, con qualche diotria in meno, la macchina di papà, soddisfazioni poche, ti dimeni per sembrare qualcosa, invece su di te sempre lo stesso giudizio, uno insignificante. Ci hai provato, a scuola non pervenuto, gli insegnanti si approcciavano a te come ad un caso disperato,nello sport un disastro, postura pessima, incedere lento, difficolta deambulatorie e di coordinazione spico-motoria. Donne ancora meno, qualche frugale apparizione frutto dei soldini di papà. Idee sempre piu’ confuse, ti vedi passare tutto davanti e tu li come un’ebete a non capire nulla, non riuscendo mai dire la tua. Ad articolare anche un semplice assunto che sia tuo e non sentito un’attimo prima dalla bocca di qualcuno. D’improvviso si vota. Forse è finalmente il tuo momento, potrai per 15 giorni diventare un eroe, uno considerato. Poi le elezioni finiscono e ti ritrovi la nella tua mediocre routine, insieme a i soliti fessachiotti , intellettuali da strappo. Comunque, se per te scrivere significa digitare su una tastiera, poverino, se per te scrivere significa pensare ed eleborare concetti, hai gia fatto un passo avanti. Per il resto sono curioso di vedere, nella tua prossima esternazione, se sarai in grado di mettere due righi, l’uno dietro l’atro, mettendo in consecuzio soggetto, predicato e complemento, utilizzando anche qualche congiuntivo,ops, scusa parlo difficile, il congiuntivo è un tempo verbale da non confondere con la congiuntivite, mi rendo conto che con la tua terza media presa a sforzo puoi fare solo delle conggetture che non vanno oltre il rigo in stampatello. Come direbbe in questo caso, lino Banfi, di cui tu utilizzi e non capisco il perchè, uno dei piu’ riusciti personaggi: …mi avete preso per un coglione… gli altri tutti in coro:…no sei grande. Mutuando un pò il tormentone anche tu : …sei un grande….!!!! vabbè accetto la critica in realtà ho sbagliato ho scritto percè, avrei dovuto scrivere perchè, ora sarai contento, potrai andare da tuo padrone e vantarti di aver fatto la bravata, peccato però che la mattina seguente,quando ti sei guardato allo specchio sei restato sempre un mostro e un grande……!!!. Comunque bello, io sono nato a Potenza, sono sposato a Vietri, sono residente a Satriano dove ho vissuto tantissimi anni. Dove ho fatto tantissime cose. Dove sono rispettato da tanti e meno rispettato da tanti altri. Ma sempre in tutte le mie cose ho messo la faccia e l’anima. Quando io passerò a miglior vita, di me qualcuno si ricorderà nel bene e nel male. Di te, meschino che non hai anima e cuore nemmeno di firmarti, si ricorderanno in pochi. Se poi tu vuoi continuarmi a chiamare Vietrese in senso offesivo, sappi che io ti ringrazio, in quanto mi sento cittadino del mondo, ho un’amico ed ospitalità ovunque. Ho lavorato ovunque, lottando e sognato, ma sempre con nome e cognome. Sono orgoglioso di essere cittadino di quella città, nazione e paese che vorrà ospitami. Ma io mi sento Satrianese da sempre, penso satrianese e parlo satrianese. guai, ovunque a chi dovesse offendere Satriano ed i satrianesi. Difenderò il mio paese dell’anima ed i suoi cittadini, sempre, un pò meno i pavidi, i bugiardi, i corroti ed i mafiosi. Tu chi sei? Uno che abita a Satriano ed ogni tanto va a Giovinazzo per sentirsi piu’ anonimo e nullo di quanto gia è a Satriano, o sei uno di Giovinazzo che quando viene a Satriano è talmente strumentalizzato da ritornare a casa e sentirsi in dovere di insultare(secondo lui) uno, cioè io(mi spiego con il cucchiaino finchè non mi darai segno di essere all’altezza di una discussione articolata), che nemmeno conosce. Insisto sul fatto di Giovinazzo, in quanto ti muovi nel buio credendo di essere anonimo, ma avendo  fatto denuncia a chi di dovere, so da dove scrivi, uno di questi giorni, mi deciderò, finalmente, a fare anche denucia nominale. Però, Amo troppo Satriano, se tu fossi Satrianese alla fine mi dispicerrebbe farti fare la figura che del resto meriteresti.

Comunque, continuiamo questo scambio epistolare, nel tuo caso potremmo parlare piu’ di imbratti sul muro con una bomboletta spray, perchè(scritta corretta), inizio a divertirmi. Indovina chi fa la parte di Oronzo che fa rima con?….Canà naturalmente che avevi capito? Non scenderei mai al tuo livello.

Ciao alla prossima, perchè credo ci sarà una prossima, sei cosi abituato ed essere perdente che mi darai sicuramente un’altra possibilità per divertirmi. Ciao Oronzo!!!

 

3 Responses so far.

  1. ORONZO CANA' ha detto:

    A STRONZOoooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!

  2. tonino iallorenzi ha detto:

    carissimo io non ti conosco, non capisco percè nutri tutta questa stima nei miei confronti. visto che sei molto informato sulle mie frequentazioni, un pò meno io sulle tue, solo per autotutela, caro amico di giovinnazo(BA) che hai molto a cuore le vicende amministrative di satriano. abbastanza strana come cosa non ritieni. forse ho usato parole troppo complesse visto che ti esprimi per fonemi ed epiteti. scusa mi è scappato. non voglio impegnarti troppo. io ti querelo. caro amico di giovinazzo.

  3. ORONZO CANA' ha detto:

    IMPARA A SCRIVERE VIETRESE!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *