Home » SatriaNO ALLA DISCARICA » SULLA DISCARICA C’E’ UNA STRANA ARIA A SATRIANO

SULLA DISCARICA C’E’ UNA STRANA ARIA A SATRIANO

Dopo aver approvato all’unanimità un punto all’ordine del giorno per impugnare di fronte al consiglio di stato la sentenza del TAR, voto di responsabilità da parte di tutta la minoranza, nonostante un pò di ostracismo della maggioranza che non ha calendarizzato una  nostra analoga iniziativa, notiamo in queste ore una strana aria di dietrologia o revisionismo della realtà. Notiamo delle strane coincidenze. Notiamo una caccia all’alibi a prescindere. E’ come se qualcuno volesse preparare scorciatoie. Allora riportiamo la questione ai fatti e ai riscontri documentali. C’è tanta cattiva informazione e un pò di malafede nel riportare dati  ed informazioni anche su un questione che dovrebbe unire tutti a Satriano. DIRE NO ALLA DISCARICA. Dopo una lunga battaglia della precedente amministrazione comunale, insieme ai cittadini di Satriano e qualche politico lungimirante in provincia e in regione, si riuscì a far inserire ufficilamente nel 2003 la zona di pietra congolo nel parco della val d’agri e nei relativi vincoli di salvaguardia ambientale. Nel 2007 il ministero rivede in maniera restrittiva, per il sito, la perimetrazione del parco. in quella data il comune di satriano non impugnò il provvedimento, di fronte a nessun organo di giudizio amministrativo, atteggiamento di grossolana superficialità e sottovalutazione dei pericoli, nonostante le sollecitazioni di un comitato spontaneo come SatrianNO ALLE PERFORAZIONI che vedeva il pericolo, immediato di una torre di estrazione petrolifera e in futuro della discarica. Solo grazie all’impegno di oltre 10 mesi da parte delcomitato la giunta deliberò contro le perforazioni sul suo territorio, dopo un prima  e lunga fase di ripensamenti. Questo atteggiamento ambiguo e il rischio ancora esistente di un discarica, fu pubblicamente dettagliato anche dalla lista satriano insieme nel comizio del 4 giugno 2009.Questi sono i fatti documentati. Chiunque dica il contrario fa solo un esercizio arbitrario della corretta comunicazione, comportamento fazioso facilmente e banalmente confutabile con atti pubblici.  

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *