Home » SPAZZATURA, RIFIUTI E COSTI » QUANTA CONFUSIONE SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

QUANTA CONFUSIONE SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

Questo gruppo di minoranza è intervenuta sulla questione raccolta differenziata, fin dalla campagna elettorale, proponendo un’ intervento organico di raccolta differenziata integrata. Prendendo ad esempio Mercato San Severino. Ha prodotto 3 interrogazioni, 2 proposte in materia(tra le oltre 60 iniziative, in un solo anno di operato, tutte raccolte sul blog), un’incontro aperto alla cittadinanza con esperti in materia. Ma ancora oggi c’è gente che non ha chiara la questione, c’è ancora gente che fa confusione, scambiando l’isola ecologica con la raccolta differenziata integrata con annessa cura della filiera del rifiuto. Il problema è grave, in quanto un’iniziativa come la raccolta differenziata rischia di naufragare miseramente per delle scelte sbagliate della maggioranza alle quali si sono aggiunte proposte ancora piu’ confusionarie. Fatte da chi dovrebbe intervenire per migliorare l’esistente possibilmente in coerenza anche con patti e programmi firmati solo un’anno fa.

Nello specifico perchè riteniamo che l’isola ecologica non risolve il problema:

  • in quanto è solo un rimedio paliativo, in sostanza sostituisce pro tempore la trasferenza presso le discariche;
  • l’isola ecologica ha una validità solo per l’umido e l’organico;
  • l’isola ecologica apre dei contenziosi di natura igienico sanitaria;
  • l’istallazione di isole ecologiche si struttura all’interno di un piano rifiuti provinciale che al momento non esiste;
  • la sola isola ecologica non crea nessuna ricaduta occupazionale.

L’UNICA SOLUZIONE VALIDA PER METTERE UN RIMEDIO ALLO STATO CONFUSIONARIO IN CUI VERSA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI A SATRIANO E’ IL PASSAGGIO DALLA TARSU ALLA TIA(Tariffa Igienico Ambientale: pago meno per quanto differenzio, in attuazione del Decreto Ronchi). Unico sitema per riconoscere a chi fa la raccolta differenziata di avere delle premialità(rimborsi). Non c’è un’altro rimedio.

alleghiamo la sinossi del programma elettorale in merito alla raccolta differenziata:

 

Ambiente:

þ      Gestione della intera Filiera della raccolta differenziata dei rifiuti

Grazie al sistema Ra.di.o. sigla che sta per Raccolta differenziata ottimizzata che si pone l’obiettivo di massimizzare la raccolta differenziata attraverso due strumenti: l’incentivazione delle famiglie alla differenziazione dei rifiuti attraverso sconti sulla tassa sui rifiuti e il monitoraggio da parte degli enti della tipologia e della quantità dei rifiuti conferiti, mediante un sistema di codici a barre e di dispositivi per la raccolta dei dati. Utilizzando un sistema della Uniplan Software, così come ha fatto il comune del Salernitano di Mercato San Severino. Il comune di Satriano produce ogni anno circa 8.000 tonnellate di rifiuti. Il comune spende una somma ingente per lo smaltimento. I Cittadini pagano € 1,80 al mt° per le utenze private e € 2,50 al mt° per le attività commerciali. Chi ha aderito alla raccolta differenziata porta a porta non ha avuto benefici e diminuizione della bolletta. Il nostro progetto prevede di occuparsi  di tutta la filiera del rifiuto dalla sua produzione, al ciclo della differenziazione fino a vendere il materiale riciclabile, grazie al passaggio alla Tia, la Tariffa igiene ambientale che sostituirà la Tarsu. Ogni anno tutte le famiglie riceveranno il kit contenente i sacchetti di colore diverso per la raccolta differenziata dei rifiuti: plastica, carta, alluminio, frazione organica e indifferenziata con il calendario con giorni ed orari di conferimento, codici a barre e note esplicative per le famiglie. Il calendario in quanto la raccolta è organizzata con diverse cadenze settimanali. I codici a barre in quanto durante il ritiro dei rifiuti lasciati fuori la porta di casa i codici stampati sui sacchetti vengo letti elettronicamente dagli operatori che aggiornano telematicamente la situazione per ogni famiglia. Più sacchi vengono registrati, maggiore è il risparmio. E’ un circolo virtuoso che permetterà una visione di quello che viene conferito, e lo stesso utente ha la possibilità di visualizzarlo via web”. l’indifferenziata. Il kit dei codici a barre adesivi identifica ogni sacchetto in cui è riportata l’utenza e il tipo di rifiuto. Qui entra il gioco il sistema di premialità: è previsto un bonus in bolletta di 0,26 centesimi per ogni sacco di carta, ad esempio. Il rifiuto differenziato sarà venduto ad imprese che utilizzano materiali riciclati generando un surplus per il comune che gestirà la filiera fino a 20.000 € annui a pieno regime, raggiunta una percentuale di differenziata del 50%. In generale una famiglia media può risparmiare in un anno dai 20 ai 40 euro. Nel comune si trova anche un’isola ecologica dove i cittadini possono portare direttamente i loro rifiuti differenziati, anche le pile, le stoffe e le lampadine. Anche qui si applica il sistema di premialità sulla base del peso dei rifiuti. Il Comune di Mercato San Severino  è arrivato al 57 per cento nel 2007. A Satriano nonostante gli esborsi a carico dei cittadini non si arriva al 20% senza avere certezze sulla intera filiera e su che fine fanno i rifiuti. La raccolta riguarda carta, plastica, alluminio, frazioni umide e secco. Contiamo di raggiungere nel 1 anno il 30% e nel secondo 2° anno 50. Raggiungendo una percentuale di rifiuto differenziato pari al 50% nei primi 24 mesi potremo A pieno regime senza esborsi per la collettività riteniamo di poter occupare a progetto 2 operatori ecologici ed 1 consulente per il sistema di gestione.

 

SI ALLEGA A POSTUMA MEMORIA IL PROGRAMMA ELETTORALE DI SATRIANO INSIEME INTEGRALE:

PROGRAMMA SATRIANO INSIEME.doc

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *