Home » BANDI PUBBLICI ED OFFERTE DI LAVORO » PER TUTTI COLORO CHE VOGLIONO ADERIRE AL PIOT O SUGGERIRE INIZIATIVE

PER TUTTI COLORO CHE VOGLIONO ADERIRE AL PIOT O SUGGERIRE INIZIATIVE

In fase avanzata la progettazione del PIOT Marmo Melandro    
 

Incontro operativo a Savoia tra le amministrazioni pubbliche e gli imprenditori privati

Si chiamerà PIOT “Antica Lucania / Gusto-Natura-Cultura” il Pacchetto Integrato di Offerta Turistica della Basilicata nord-occidentale.

Nel corso di una affollata assemblea che si è svolta a Savoia di Lucania, presso la sede del Gal e del Centro servizi della Comunità montana del Melandro, sono state tracciate le linee di intervento su cui si articolerà il progetto di sviluppo turistico dell’area omogenea che abbraccia i comuni che fanno parte del Gal, del Pit, dei Pois e della futura Comunità locale.
Il Presidente del Gal, Nicola Manfredelli, i Commissari delle Comunità montane del Marmo e del Melandro, Costantino Di Carlo e Vincenzo Ostuni e l’Assessore provinciale, Nicola Figliuolo, hanno prospettato ai numerosi operatori economici ed imprenditori privati presenti all’incontro l’importanza del Piot per affrontare la sfida di un nuovo governo dei processi economici e sociali, basato sulla competitività dei diversi aggregati istituzionali, sociali e territoriali.
Nel Marmo Melandro, hanno confermato i Sindaci, le organizzazioni di categoria e gli imprenditori presenti all’incontro, sono presenti notevoli risorse turistiche che già richiamano spontaneamente circa 20.000 visitatori all’anno, attratti principalmente da un territorio di eccellenza in termini di beni naturali e culturali e di tipicità e genuinità delle produzioni agroalimentari e gastronomiche.
L’incontaminata bellezza degli scenari e degli ambienti tipici della montagna appenninica, l’inusuale ricchezza di tradizioni, la ritrovata sensibilità verso la propria identità culturale, la riscoperta delle tante testimonianze storiche, archeologiche e religiose fanno ricordare che ci troviamo nel cuore dell’ “Antica Lucania” e che proprio da tale mix è possibile organizzare e sviluppare nuove forme di turismo integrato ad alta specializzazione tematica (turismo archeologico, culturale e religioso, turismo per il benessere psico-fisico della persona, turismo sportivo-naturalistico, turismo didattico scientifico, ecc.).
Il fattore dell’identità, intesa come recupero e valorizzazione delle specificità naturali e culturali dovrà consentire, attraverso il progetto Piot, di traguardare uno sviluppo non più assistito e dipendente dall’esterno, ma agganciato al rilevante patrimonio di valori, competenze e risorse di cui l’area dispone.
L’obiettivo è quello di attrezzare e caratterizzare il territorio come suggestivo “attrattore” per ampie fasce di visitatori interessati a conoscere l’antica storia della Lucania ed a riscoprirne i tratti più significativi del territorio, delle tradizioni, dei costumi popolari.
Il territorio del Marmo Melandro, hanno puntualizzato gli esponenti pubblici e privati presenti all’incontro, configurandosi come zona di “cerniera” tra le aree extraregionali ed il polo urbano del capoluogo di regione, ha la necessità di esprimere una energica ed efficace azione di valorizzazione delle proprie risorse e di rafforzamento della propria identità, in modo da proporsi quale realtà “non marginale e non compressa” dalle dinamiche delle aree circostanti e, allo stesso tempo, di caratterizzarsi quale interessante “carta di identità” dell’universo territoriale lucano.
Al termine della riunione è stato concordato un calendario di attività che prevede entro la fine dell’anno la predisposizione delle manifestazioni di interesse dei progetti che intendono realizzare gli operatori privati e le amministrazioni locali, nonché le delibere dei Comuni per l’adesione al partenariato di Progetto Piot da formalizzare all’inizio del nuovo anno.

Si chiamerà PIOT “Antica Lucania / Gusto-Natura-Cultura” il Pacchetto Integrato di Offerta Turistica della Basilicata nord-occidentale.Nel corso di una affollata assemblea che si è svolta a Savoia di Lucania, presso la sede del Gal e del Centro servizi della Comunità montana del Melandro, sono state tracciate le linee di intervento su cui si articolerà il progetto di sviluppo turistico dell’area omogenea che abbraccia i comuni che fanno parte del Gal, del Pit, dei Pois e della futura Comunità locale.Il Presidente del Gal, Nicola Manfredelli, i Commissari delle Comunità montane del Marmo e del Melandro, Costantino Di Carlo e Vincenzo Ostuni e l’Assessore provinciale, Nicola Figliuolo, hanno prospettato ai numerosi operatori economici ed imprenditori privati presenti all’incontro l’importanza del Piot per affrontare la sfida di un nuovo governo dei processi economici e sociali, basato sulla competitività dei diversi aggregati istituzionali, sociali e territoriali.Nel Marmo Melandro, hanno confermato i Sindaci, le organizzazioni di categoria e gli imprenditori presenti all’incontro, sono presenti notevoli risorse turistiche che già richiamano spontaneamente circa 20.000 visitatori all’anno, attratti principalmente da un territorio di eccellenza in termini di beni naturali e culturali e di tipicità e genuinità delle produzioni agroalimentari e gastronomiche.L’incontaminata bellezza degli scenari e degli ambienti tipici della montagna appenninica, l’inusuale ricchezza di tradizioni, la ritrovata sensibilità verso la propria identità culturale, la riscoperta delle tante testimonianze storiche, archeologiche e religiose fanno ricordare che ci troviamo nel cuore dell’ “Antica Lucania” e che proprio da tale mix è possibile organizzare e sviluppare nuove forme di turismo integrato ad alta specializzazione tematica (turismo archeologico, culturale e religioso, turismo per il benessere psico-fisico della persona, turismo sportivo-naturalistico, turismo didattico scientifico, ecc.).Il fattore dell’identità, intesa come recupero e valorizzazione delle specificità naturali e culturali dovrà consentire, attraverso il progetto Piot, di traguardare uno sviluppo non più assistito e dipendente dall’esterno, ma agganciato al rilevante patrimonio di valori, competenze e risorse di cui l’area dispone.L’obiettivo è quello di attrezzare e caratterizzare il territorio come suggestivo “attrattore” per ampie fasce di visitatori interessati a conoscere l’antica storia della Lucania ed a riscoprirne i tratti più significativi del territorio, delle tradizioni, dei costumi popolari.Il territorio del Marmo Melandro, hanno puntualizzato gli esponenti pubblici e privati presenti all’incontro, configurandosi come zona di “cerniera” tra le aree extraregionali ed il polo urbano del capoluogo di regione, ha la necessità di esprimere una energica ed efficace azione di valorizzazione delle proprie risorse e di rafforzamento della propria identità, in modo da proporsi quale realtà “non marginale e non compressa” dalle dinamiche delle aree circostanti e, allo stesso tempo, di caratterizzarsi quale interessante “carta di identità” dell’universo territoriale lucano.

Al termine della riunione è stato concordato un calendario di attività che prevede entro la fine dell’anno la predisposizione delle manifestazioni di interesse dei progetti che intendono realizzare gli operatori privati e le amministrazioni locali, nonché le delibere dei Comuni per l’adesione al partenariato di Progetto Piot da formalizzare all’inizio del nuovo anno.

CHIUNQUE, ASSOCIAZIONE, AZIENDA PRIVATA VOGLIA CANDIDARE DELLE MANIFESTAZIONI O DELLE INIZIATIVE SCARICHI QUESTO ALLEGATO: scheda_progetto_imprese(privati).pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *