Home » GOVERNO OMBRA » Panem et circenses

Panem et circenses

Un po’ come accadeva nell’antica Roma, quando il popolo non aveva cosa mangiare, il sovrano organizzava grandi competizioni con fiere e gladiatori omaggiando ogni tanto gli spettatori con resti di pani e granaglie. Questo sta accadendo in queste ore in Basilicata. Una regione che è sulle ginocchia, senza certezze economiche per il futuro, con uno scollamento tra le aspirazioni e le reali possibilità di realizzazione nella vita. Fabbriche che chiudono. Operai che non hanno piu’ nemmeno la certezza degli ammortizzatori sociali. Enti e piccoli comuni che sono prossimi al dissesto. Una provincia incapace di garantire al minimo la viabilità sulla rete viaria. Ebbene tutti gli Enti sovra comunali e i tanti carrozzoni inutili che qualcuno vorrebbe eliminare con una mano, ma  con l’atra foraggia grazie a strampalate sigle ed acronimi come i PIOT i PIT i POIS  e tanti altri. In queste ore, la regione, il parco della Val D’Agri, i PIOT e la comunità montana si sono affrettate a finanziare nel solo comune di Satriano di Lucania ben 235.000 € di grandi eventi che per lo piu’ di grande anno solo l’azionista di riferimento.

I soli PIOT che come volevasi dimostrare sono il solito carrozzone utile a dare una poltrona a qualche obeso di politica, ha sostituito l’unica forma, seppur criticata, di finanziamento democratico per le associazioni che realmente fanno eventi da almeno un lustro in regione:”i piccoli e grandi eventi”, con un sistema viziato che darà potere ai sindaci di decidere cosa finanziare da cosa invece boicottare. Ebbene il comune di Satriano, ad esempio ha ricevuto dai PIOT, per “Per le vie del Pietrafesa”60.000€ per lo “spettacolo”, ad oggi mai visto da nessuno,  che abbinati ai 104.000€ dei fondi strutturali sempre della stessa misura, daranno alla faccia dei cittadini e delle associazioni e dei tanti operatori che fanno spettacolo uno strumento clientelare potentissimo ai sindaci che stanno diventando sempre di piu’ gli sceriffi di questo autentico Far West che è la Lucania. Tanto per arricchire sempre di piu’ la torta è intervenuta anche la regione che utilizzando i”POR Basilicata 2000/2006”(ma non erano chiusi) – eventi storicizzati (dopo 4 edizioni se c’è un principe di riferimento un evento è gia storicizzato) il comune di Satriano ha ricevuto ulteriori 100.000€ per finanziare il LUCANIA FOLK FESTIVAL. Ebbene evviva il circo, evviva Satriano e chi se ne frega se qualcuno non riesce ad arrivare piu’ alla fine della settimana.   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *