Home » AMMINISTRATIVE 2009 » LA PANTOMIMA DEL DITTATORE

LA PANTOMIMA DEL DITTATORE

È  andata in scena stanotte una rappresentazione tra il tragicomico e un’ambientazione degna della notte dei cristalli, mancava solo il passo dell’oca e la musica di Wagner per vedere la parodia del Dittatore di Charlie Chaplin .Tutto era perfetto per l’incoronazione del nuovo imperatore della BUGIA, la discesa tra ali di parenti, la convention americana e l’apologia di una persona che dice e non fa nulla. Tarallo bugiardo ha colpito ancora. 

  • Bugiardo!: la precedente amministrazione non ha mai perso una causa, il pagamento della causa  CET, non era di competenza dell’amministrazione comunale ma della struttura speciale della ricostruzione. Perché l’avete persa?. Non te ne sei occupato?.
  • Il comune di Satriano non ha mai avuto debiti fino al 2004, anzi lo stesso bilancio del 2004, approvato da voi, presentava oltre 100.000 € di utili, ha dovuto vendere un bosco a forestieri, per poter coprire le nefandezze di questi anni. Dove sono i soldi della vendita del Bosco Ralle?.
  • Altri, oltre ad avere una professione e 1 laurea, fanno cultura e spettacolo(non solo cabaret). Lui in passato a quei professionisti ha fatto solo il ragazzo di bottega.
  • Il comune non è un’ ufficio di collocamento, per chiunque, neanche per un Sindaco!. C’è chi per guadagnare 1.300 € deve andare a Melfi.
  • In 5 anni ha solo aumentato  le tasse, a Satriano, a danno dei cittadini, senza dare una sola risposta in termini di qualità della vita.
  • Cura e si occupa solo della sua persona e degli interessi di pochi amici.
  • Il campo sportivo è in condizioni fatiscenti, la manutenzione è un’ obbligo non una impresa. Piscina e teatro sono opere delle precedenti amministrazioni.
  • I Borghi piu’ belli d’ Italia sono un contenitore con oltre 100 paesi, altre sigle sono solo pura fantasia.
  • La centrale idroelettrica è ferma da anni. Dove sono i soldi.
  • Nessuno a Satriano ha mai avuto 3 buoni illegittimi per la ricostruzione, se ci sono denunciali.
  • Hai licenziato ben 3 padri di famiglia.

         

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *