Home » BILANCIO » il ponte sul Melandro più costoso ed inutile al mondo

il ponte sul Melandro più costoso ed inutile al mondo

ponte melandro baileyPassano gli anni, i sindaci e nessuno che abbia la capacità di mettere rimedio a questa assurdità! dal 1980 ad oggi, fatto alvo i primi 5 o 6 anni nel quale il Ponte ha funzionato, abbiamo regalato circa 30 anni di quota annuale per un ponte inutile e pericoloso che nessuno usa. 30 anni x 1.500 € = 45.000 euro buttati nel Melandro, con questa incapacità e pavidità amministrativa si misura la capacità degli amministratori. Non si può stare 24 , 10 o 5 anni su una sedia senza  mettere fine ad uno spreco così evidente. E’ semplice  gestire i soldi che arrivano a pioggia da stato, regione e contribuenti, molto più’ difficile è eliminare gli sprechi. Il comune di sartiano oggi ha una situazione economica pericolosa. Vi sono residui attivi e passivi trascinati negli anni dal 1994. Tant’ è che il comune è tra gli 80 comuni Lucani a rischio dissesto. Possibile che qualcuno ancora tollera il pagamento del fitto per un ponte che di fatto non funziona da 30 anni!

la mozione del 29 Gennaio 2015 senza risposta:mozione PONTE BAILEY

ecco l’ennesimo pagamento:

VISTA la nota Prot. M_DE22500/0 del 30/09/2016 con la quale il Servizio amministrativo – Sezione contratti del Polo di mantenimento Pesante Nord – Piacenza, ha chiesto provvedere al pagamento della somma di €. 1.510,52 per canone anno 2016;

RITENUTO doversi provvedere in merito;

DATO ATTO che con la sottoscrizione della presente viene reso il parere di regolarità tecnica attestante la regolarità e la correttezza dell’azione amministrativa nel rispetto delle norme inerenti la materia tipica dell’atto nonché quelle sull’ordinamento finanziario e contabile ed ai riflessi economico-patrimoniali;

D E T E R M I N A

di liquidare e pagare in favore del Polo di mantenimento Pesante Nord – Piacenza, mediante versamento sul C/C IBAN IT08X0760112600000013397294, della somma complessiva di €. 1.510,52, per le ragioni esposte in premessa;

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *