Home » 2014 » IL DADO E’ ROTTO, SALVIAMO IL PAESE

IL DADO E’ ROTTO, SALVIAMO IL PAESE

8 anni di lavoro consiliare in minoranza non possono essere cancellati. Quello che ho detto e fatto è agli atti e sotto gli occhi di tutti. Non mi sono risparmiato e non mi sono sottratto a nulla. Ho annunciato e preannunciato molte delle cose che stanno avvenendo. Ma oggi, in questo preciso momento siamo davvero alla fine, al momento piu’ basso per il comune di Sartiano. La situazione economica è collassata, il commercio è ridotto ai minimi termini anche per decisioni prese non sostenute da provvedimenti idonei e strutturati da una organizzazione capillare. Non c’è una governance, la squadra che ha vinto le elezioni nel 2014 è impegnata in un a guerra interna senza frontiere, sono tutti contro tutti, avendo un solo minimo comune multiplo, l’interesse personale, quasi tutti sono lì solo per difendere posizioni ed agi per parenti, amici e compari. La situazione del bilancio comunale è imbarazzante ( in un paese con la disoccupazione al 50% difendere apparentemente lo stipendio dei dipendenti può sembrare cacofonia culturale) la tesoreria non è in grado, nemmeno, di garantire la spesa fissa e vincolata come quella stipendiale. Abbiamo residui in pancia dal 1994. Ad Aprile il comune non sa come pagare gli stipendi. Abbiamo la pressione fiscale piu’ alta tra i 15 paesi dell’area. Satriano negli anni ’90 e 2000 era un faro culturale, artistico e spettacolare, grazie soprattutto a cittadini appassionati, oggi nonostante gli impegni, le risorse utilizzate siamo agli ultimi posti per qualità della vita, mentre a Sasso di Castalda arrivano ed arriveranno frotte di turisti grazie alla visione di amministratori locali, lo spedì e spandi di basso cabotaggio di questi anni a Satriano non ha strutturato nessun attrattore, fatto salvo per il carnevale, Satriano è destinata continuando così ad essere spettatrice delle velleità ed ambizioni turistiche di paesi come Sasso, Sant’angelo le Fratte, Brienza e di Tito con la nostra Torre. Ma la situazione piu’ pericolosa è quella amministrativa , una giunta improbabile e un squadra amministrativa messa in piedi per contrastare chi aveva fatto opposizione per 5 anni ha generato un vuoto ed una evidente incapacità che è palpabile ogni giorno. Vi sono giornate in cui sul comune non si vede un amministratore, e se ci sono sembrano alieni capitati lì per caso a sbrigare faccende personali come ogni qualsiasi visitatore e non certo persone vogliose e capaci di dare un indirizzo alla macchina amministrativa e alle sorti del paese. Satriano è un paese al collasso. Dove nessuno sa che fare, a chi rivolgersi. Dove tutti sono contro tutti. Un paese con dinamiche proprie da familismo amorale, dove cento famiglie decidono le sorti per le altre milleduecento. Io stesso, visto per anni come il nemico numero uno, come quello contro, sono imbarazzato nello scrivere queste parole, provo vergogna, preoccupazione per quello che è accaduto e per quello che accadrà nel mio paese. Mai come oggi il nostro comune è attenzionato da magistratura e forze di polizia, mai come oggi stanno uscendo alla luce condotte improprie, da me negli anni sempre segnalate e combattute, ma mai avrei immaginato che degli amministratori venissero sentiti tutti i giorni per continue denunce. Chiunque dovesse prendere in mano le sorti della gestione della cosa pubblica tra due anni avrà grossi problemi ad invertire la rotta. PROPONGO UN GOVERNO DI SOLIDARIETA’ COMUNALE PROPONGO A TUTTI QUELLI CHE SONO STATI “ATTORI” DELLA VITA PUBBLICA NEGLI ULTIMI 10 ANNI, A TUTTI QUELLI CHE HANNO MESSO LA FACCIA E SOPRATTUTTO LE AZIONI NON LE SOLE PAROLE IN LIBERTA’ OGNI 5 ANNI DI FARE SINTESI, DI TROVARE LA QUADRA SENZA PERSONALISMI E MERE AUTO-REFERENZE, SERVE UN SACRIFICO ED AUN ATTO DI GENEROSITA’ DA APRTE DI TUTTI, SENZA TROVARE SOLUZIONI ESOTICHE ED ALIENE DALLA REALTA’ OCCORRE GUARDARSI IN FACCIA, ESSERE AMBIZIOSI, LUNGIMIRANTI, METTERE IL CUORE OGLTRE L’OSTACOLO OCCORRE, PER UNA VOLTA, ESSERE REALMENTE “CUZZARI” PER SALVARE SATRIANO, ALTRIMENTI: “SCAPPATEVENE RA STU PAISE”!

Post Tagged with,,

One Response so far.

  1. Maria ha detto:

    Bravo. Condivido. Speriamo bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *