Home » 2019 » FANNO DANNI CON LA TARI E SONO ANCHE ARROGANTI

FANNO DANNI CON LA TARI E SONO ANCHE ARROGANTI

L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SATRIANO A DETTA DI TUTTI E’ LA PEGGIORE DELL’AREA DEL MELANDRO. LA PEGGIORE CHE SATRIANO ABBIA MAI AVUTO. HANNO RIDOTTO IL PAESE AD UNA REALTA’ INVOLUTA E RASSEGNATA. NON SONO RIUSCITI IN 4 ANNI A DARE NESSUN CAMBIO DI PASSO. NON SONO STATI IN GRADO DI PORTARE AVANTI UN PROVVEDIMENTO CHE SIA UNO, NEMMENO SBAGLIATO. HANNO TRASFORMATO IL PAESE ALLA REALTA’ CON PRESSIONE FISCALE PIU’ ALTA DEI 15 PAESI DELL’AREA PROGRAMMA. SI PERMETTONO IL LUSSO DI FARE GLI ARROGANTI, I PRESUNTUOSI. SIA IERI SERA, DURANTE IL CONSIGLIO COMUNALE DEL 23 ED ANCHE OGGI. IN UN AMBIENTE POLARE DAL PUNTO DI VISTA CLIMATICO. INFATTI SE LA TEMPERATURA ESTERNA ERA SOTTO LO ZERO, QUELLA INTERNA ERA ANCORA PEGGIO, DATO CHE NELL’AULA CONSILIARE, LA CASA DEI CITTADINI, NON FUNZIONANO I RISCALDAMENTI. L’EX VICE SINDACO DIMISSIONARIO SI E’ PERMESSO ANCHE DI FARE LA BATTUTA : hanno acceso i riscaldamenti stasera! TROVANDO COME RISPOSTA IL NOSTRO GELO E LA MIA STIZZITA RISPOSTA: “ LE TUE BATTUTE SONO LA RAPPRESENTAZIONE PLASTICA DELLLA VOSTRA INCAPACITA’ AMMINISTRATIVA (DA 3 ANNI NON FUNZIONANO I RISCALDAMENTI E NON SIETE STATI IN GRADO DI RISOLVERE IL PROBLEMA. NON DEVI FARE BATTUTE, DOVEVI RISOLVERE IL PROBLEMA QUANDO HAI FATTO IL VICE SINDACO, O FARLO ORA CHE SEI SEMPRE IN MAGGIORANZA, VISTO CHE DITE DI AVERE BILANCI SANI ED AVANZI DI BILANCIO). FANNO LE BATTUTE IERI SERA, L’ATTUALE ASSESSORE, EX PESSIMO GESTORE DELLA PISCINA ED ANCORA PESSIMO PAGATORE, DOVEVA 22.500 € DI UTENZE NON PAGATE DURANTE LA GESTIONE DELLA STRUTTURA, ORA NE DEVE 17.500 PER CHè NEL FRATTEMPO GRAZIE ALLE PRESSIONI DELLE DUE MINORANZE HA PROVVEDUTO A VERSARE 5.000. UTILIZZANO EPITETI PER LA MINORANZA, QUANDO APPROVANO BILANCI SENZA MANCO LEGGERLI. IERI SERA ABBIAMO ASSISTITO DI NUOVO ALLA SAGRA DELLA FESSERIA: IL SINDACO HA DOVUTO ALZARE LA VOCE E METTERLA IN BAGARRE PER COPRIRE L’ENNESIMO “SCIVOLONE” DI CHI SOLO IL 29 AVEVAA GIURATO SULLA TRASMISSIONE IN STREAMING DEL CONSIGLIO, MENTRE E’ ANDATO IN ONDA IL SOLITO SPETTACOLO DEL DICO TUTTO E IL CONTRARIO DI TUTTO. TRA UN ANNO SI VOTA. AVETE FATTO DANNI QUASI IRREPARABILI. NEL 2019 SERVE UN MIRACOLO, AL QUALE POSSONO CONTRIBUIRE SOLO I CITTADINI MANDANDOVI A CASA ED INVESTENDO SU CHI HA DIMOSTRATO CON I FATTI L’ATTACCAMENTO AGLI INTERESSI DELLA COLLETTIVITA’. FANNO BATTUTE QUANDO CI HANNO LASCIATO SOLO BUCHI SUL PAVIMENTO FRUTTO DELLE LORO PERSONALI “SCHIACCIATE”. MA ENTRIAMO NEL MERITO DI QUANTO DISCUSSO. TARI:

Lo dico DAL 2009 da quando si passò dalla TARSU alla TARES ( senza i propedeutico passaggio alla TIA che crebbe permesso ragionamenti premiali). Passammo da una spesa di 68.000 € a 230.000 € subito. Oggi dichiarano di spendere 277.000 mentre ne introitano 340.000 dai cittadini e ne sperono altrettanti, nel 2017 e il dato cresce di poco nel 2018, 2019 e 2020. Il disatro viene ratificato nel 2013 quando si passa alla TARI e ad un regolamento che viene di fatto copiato ed incollato ogni anno a solo vantaggio dei gestori. Sull’ultimo piano stendo un velo pietoso! è un Piano per la raccolta differenziata ed un regolamento TARI iniquo. Si chiede ai cittadini di fare un sacrificio dal 2009 e non si è in grado di far pagare a tutti il giusto
Tante le incongruenze che i fenomeni degli amministratori locali nemmeno ne avevano contezza:

  • nel 2018 si aumenta la quota fissa sia per le abitazioni che per le pertinenze mediamente di 0,07€
    dichiarano che la spesa è più bassa quanto i Satrianesi versano oltre 300.000 € e lo dicono anche loro nel bilancio di previsione: 363.000 € nel 2017, 346.000 € nel 2018, 355.000 nel 2019 e 321.000 nel 2020! Il calcolo viene anche fuori dalle utenze moltiplicati per i metri quadrati complessivi.
  • hanno recuperato 35.000 € di evasione spendendone 24.000 nel 2016 e 17.000 nel 2017di consulenze.
    le utenze domestiche versano il 90% mentre le attività commerciali (x sintesi) solo il 9%!
  • il ricavato del riciclo al netto dei costi è poco piu’ di 6.000 €. Se fosse vero che spendiamo solo 277.000 il ricavato del rifiuto venduto è davvero misero.
    le utenze domestiche sono 2.224, si paga tutto!
  • le attività produttive, commerciali, professionali, etc. versano 26.000 € annui alcune mediamente poche decine di euro annue (VEDI TABACCHI ED ALTRE)
    è evidente che è un piano copia incolla che viene replicato con piccoli aggiustamenti dal 2013, senza nessuna capacità politica di risolvere i problemi.
nel 2013 si passò dalla TARSU alla TARES e poi alla TARI senza applicare la TIA (tariffa integrata ambientale) che avrebbe reso premiale la raccolta differenziata .
  • il piano è una sorta di pesca grossa, con reti a maglie larghe. Si prende dove conviene prendere, per la legge dei grandi numeri, senza equità. Si chiede di pagare sulle case, su 2.224 utenze domestiche.
  • dove sono le 2224 unità domestiche è evidente che si fa pagare il servizio a case vuote, disabitate,case di emigranti Satrianesi che non vivono il paese.
    questo non è un piano è un furto, si fa pagare per un servizio non dato.
  • paghiamo 13.000 per lo spazzamento strade, ma stiamo scherzando? Chi pulisce le strade? Io in questi anni ho visto solo 1 o 2 dipendenti comunali e le persone ex mobilità in deroga. Perché la collettività deve pagare per servizi non dati.
  • ed ultima domanda, ma vi siete mai chiesti chi ha redatto il piano dov’è ora? Meglio tacere!
    Questa è solo un minima sintesi del dibattito sulla atri, poi arriveremo anche a quella sul bilancio.
    Il quadro è chiaro, la maggioranza è in balia di una senza di contenuti, tentano di metterla in rissa, sapendo che è l’unica cosa che gli resta, almeno come attività propedeutica all’unica prospettiva che gli resta se vorrano di nuovo presentarsi al giudizio della gente, l’opposizione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *