Home » GOVERNO OMBRA » ESITI, DIBATTITO E VOTI DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 21 APRILE RICHIESTO IN SEDUTA STRORDINARIA DA QUESTO GRUPPO

ESITI, DIBATTITO E VOTI DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 21 APRILE RICHIESTO IN SEDUTA STRORDINARIA DA QUESTO GRUPPO

ORIDINE DEL GIORNO 

  1. Approvazione verbale precedente.
  2. Conto consuntivo dell’esercizio di bilancio 2009

Il gruppo Satriano insieme ha votato contro, sollevando tra le altre le seguenti osservazioni o appunti:

¨       Nel Programma I, assetto del territorio, sviluppo ed innovazione:”…a fronte di un vero e proprio programma elettorale nel quale si enunciano piu’ di una ventina di opere da realizzare sono state portate a termine solo, l’asilo nido, realizzazione della scuola elementare, sistemazione vecchio cimitero, marciapiede Pantanelle e sistemazione strada brulli…”

¨       Nel programma II, qualità della vita:”…a fronte del solito elenco elettorale è stato portato a termine solo la sistemazione del piazzale piscina…”

¨       La cosa piu’ grave è che mentre sul bilancio consuntivo viene riportato con onestà la incapacità di portare avanti il programma, a livello extraterritoriale si sciorinano dati inconsistenti. Vedi la rendicontazione delle opere realizzate o avviate nel programma Val d’Agri, dove si danno per spese al 31.12.2008 € 195.485,00 per il I° lotto della riqualificazione di Piazza Umberto I. Chi ha visto mai questa opere. Dove sono stati spesi questi soldi. Altra stranezza sono gli 88.500,00 € spesi per il restauro di palazzo Daraio. Come si fa a restaurare un proprietà privata?.

¨       Abbiamo poi sollevato all’attenzione del consiglio e dei tanti uditori delle stranezze in merito alla voce del rendiconto : PRESTAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA COLLETTIVITA’: “… mentre compaiono importi in entrata ed in uscita di voci quali gli impianti sportivi, le mense, etc, non c’e nessuna cifra ne tra le entrate e nelle uscite per capitoli ascritti quali: TEATRO e SPETTACOLI, si evince dunque che nel teatro non vi sono spese ne nessuno mai ha pagato un fitto, stessa cosa per gli spettacoli organizzati dall’ente..

¨       Altro cosa singolare che si legge nel bilancio è quello alla voce SERVIZI A RILEVANZA ECONOMICA:”…nel capitolo produzione energia elettrica(centrale idroelettrica) le entrate sono pari a € 56.571,33 mentre le uscite che il comune paga alla società che gestisce gli impianti sono pari ad € 45.280,91. Il saldo netto per il comune è di sole € 11.290,42. Quindi il comune ricava dalla centrale molto meno rispetto ai soldi dichiarati dal comune e sicuramente meno rispetto agli accordi della precedente amministrazione…”

A questi interrogativi non abbiamo avuto nessuna valida risposta, se non invettive.  

3) Gestione associata di polizia locale

il gruppo ha votato contro, motivando con le seguenti eccezioni:

¨       Impossibilità di gestire un servizio così delicato su piu’ comuni.

¨       Mancanza di un piano dettagliato per l’attuazione degli scopi.

¨       Carenza di personale, a Satriano ci sono gia evidenti disservizi, dover coprire anche altre aree extra territoriali potrebbe acuire le criticità.

¨       Incongruenza con l’atteggiamento dell’amministrazione comunale avuto sul caso Sangiacomo(incompatibile tra le altre, per le leggi 41 del 29 dicembre 2009, 285 del 92 e art. 55 del codice di procedura penale) e nel voler invece approvare uno schema di deliberazione che riporta tutte le leggi per le quali la polizia locale e provinciale sono polizie giudiziarie e di pubblica sicurezza. Abbiamo infatti invitato tutti i consiglieri di maggioranza a non votare per il provvedimento altrimenti, di fatto, affermerebbero l’esistenza delle norme e quindi la relativa incompatibilità.

 

4) gestione associata del trasporto scolastico

il gruppo ha votato SI:

¨       In quanto l’accordo mette in atto dei meccanismi di ottimizzazione e riduzione dei costi vivi. 

5) gestione associata con altri comuni di impianti sportivi

il gruppo si è astenuto:

¨       Pur essendo convinti che una gestione collegiale tra piu’ comuni possa ridurre le spese vive e creare piu’ indotto alla fruizione degli impianti, non ritiene esaustivo il semplice e generico schema di delibera che non chiarisce i meccanismi di gestione integrata degli impianti.

¨       Esiste il problema piscina, difatti il comune ha rescisso il contratto con la società affidataria, ma ad oggi la struttura è ancora gestita dalle stesse persone della cooperativa, con tutte le problematiche di natura assicurativa, di rispetto delle norme si sicurezza, qualità e soprattutto senza garanzie lavorative, occupazionali, reddituali e previdenziali per gli addetti locali che vi operano. 

6) incompatibilità del consigliere sangiacomo

il gruppo ha votato per la incompatibilità, mentre la maggioranza ha votato contro ed il consigliere del PDL si è astenuto. 

Impugneremo la delibera presso il giudice di giurisdizione come prevede la legge 267 del 2000, il consiglio era un’atto legittimo che avrebbe dovuto convocare il sindaco a suo tempo. Lo abbiamo convocato  nonostante i tanti tentativi di rinvio perpetuati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *