Home » Generale » E I NODI VENNERO AL

E I NODI VENNERO AL

Durante l’ultimo comizio, oltre a folcloristiche esternazione, frutto della pavida sicurezza, dell’assenza del diritto di replica, l’allora Candidato, oggi rieletto Sindaco Miglionico, in un clima alquanto grottesco. Luci, effetti scenici, impianti, musiche, al grido:” io guadagno, solo 1.000 euro al mese”. Tant’è che qualche passante bulgaro avrebbe, anche, potuto avere l’imbarazzo della scelta, nella popolana, apostrofazione, al grido : “e allora, chi paga tutto questo?” o “ c’è chi per mille euro va a lavorare tutti i giorni a Melfi”. Detto ciò, dovendo rispondere, ad i clamori suscitati da una, delle operazioni piu’ oscure della vita amministrativa satrianese. La vendita di un bosco, già di per sé atto sconsiderato, non al miglior offerente ma all’unico offerente. L’attuale sindaco, ha pubblicamente affermato che si è trattato di un’atto obbligato, in quanto i bilanci comunali erano in passivo, anche per pregressi debiti derivanti da obblighi amministrativi successivi a cause contro terzi, in cui il comune è stato coinvolto.

Dalla lettura del bilancio consuntivo del 2008, in cui i ricavati della vendita, a privati operatori economici, del taglio dei boschi, Ralle e Difesa sono ascritti, risalgono, rispettivamente a 120.000,00 € e € 94.000,00 al netto d’IVA. Per un totale di € 214.000,00 . Il consuntivo delle entrate per l’anno 2008 è di € 1.981.601,00 mentre la spesa per l’intero anno è di € 1.679.120,00 con un avanzo di cassa di € 302.481,00. Escludendo il ricavato della vendita dei boschi, il comune, non solo avrebbe raggiunto il canonico pareggio di bilancio, ma addirittura con un surplus di circa € 88.000,00.

Quanto dichiarato dall’attuale sindaco sulla vendita del bosco è falso, il bilancio comunale per l’esercizio 2008 era in attivo, nonostante la vendita del patrimonio boschivo.

In quanto ai debiti, derivanti da cause perse dal comune di Satriano, non ve ne è traccia nei bilanci a nostra disposizione. Se il comune ha perso delle cause, ci mostri i documenti e i relativi beneficiari di tali provvedimenti legali.

In questo modo saremo in grado di verificare eventuali incurie o conflitti di interesse!.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *