Home » DIALETTICA » DOPPIO SENSO REFERENDARIO

DOPPIO SENSO REFERENDARIO

L’ORDINANZA 8401

8401L’ho detto piu’ volte, il ripristino del doppio senso in corso Trieste è un provvedimento gestito male, senza una programmazione. Fu una pessima decisione nel 2009 (ne iniziai a parlare in un comizio, sono coerente con quanto detto, a Satriano il traffico tra tutti è il problema meno pressante) che ha comportato oltre 100.000 € di spese tra installi e revisioni strutturali successive. La decisione del Doppio senso andava concertata, discussa ed attuata gradualmente con buon senso. Ormai, qualsiasi decisione sarà foriera di polemiche, qualsiasi sia. Io avrei restaurato il doppio senso con l’assunto che Corso Trieste è l’unica strada a Satriano percorribile da due macchine in senso contrario, non appartengo a quelli che cavalcano la polemica in maniera strumentale. Ho avviato due raccolte firma. Non mi vedrete calcare la polemica. Ma è evidente che l’attuale maggioranza naviga a mala pena a vista, ogni sua decisione è mal gestita ed attuata peggio. Spostano il mercato, il giorno dopo cambiano idea, ora ripristinano il doppio senso in corso Trieste con la scusa di due pietre cadute da un’altra parte e non mettono mano alla viabilità in altre parti del paese. Che senso ha poi accanirsi con le multe non avendo parcheggi idonei, avendo chiuso piazza Umberto I. Il parcheggio a tempo è buon apatica ovunque. Credo che l’attuale amministrazione nella gestione dell’ordinario dimostra tutta la sua incapacità di governance. L’attuale giunta è assente da tutti i tavoli, è assente per visione e programmazione, è assente perché non ha capito nemmeno il polso di un paese che non c’è la fa piu’, ed in un voto come quello del referendum caricato da tanti significati inesistenti o forzati, mentre era solo una valutazione su un testo costituzionale, molti, ed ora anche io trovo un chiaro segnale contro una giunta che si era schierato in massa su posizioni, per la gente, incomprensibili!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *