Home » CANTIERATE » CHIEDIAMO “ASILO”

CHIEDIAMO “ASILO”

ciao

Abbiamo piu’ volte sollevato i nostri dubbi sulla ubicazione dell’asilo nido. A nostro avviso, si andava ad inserire su una pianta gia satura dalla planimetria della Scuola Media, donata dall’ambasciata americana nel post terremoto. Senza dimenticare che a nostro avviso, l’unico strumento urbanistico vigente , quello della passata amministrazione, destinava la realizzazione del nuovo asilo, lì dove ora, con una operazione mordi e fuggi la giunta sta realizzando “l’araba fenice” della Casa della Solidarietà. (forti sono gli elementi che nel 2014 sarà ancora argomento di campagna elettorale a 10 anni dal varo, senza vedere ancora ultimati i lavori). Oggi tutti i nostri dubbi sono certezze. Quell’edificio, non è in regola con la normale prassi progettuale e realizzativa in materia di edilizia scolastica, (sarcasticamente soft). Inseriamo il poco elegante elemento didascalico per lenire al massimo il raggio d’azione della nuova categoria di pensatori strumentali che sta prendendo piede nel paese. Dopo il radical chic, il pagnotta man, l’intellettuale da passeggio e il Sunday Prosecchin, ecco arrivare il B.F. ( m’boca folla), coluì che costruisce casi e situazioni irrituali. I lavori di realizzazione sono stati bloccati da una revisione dei prezzi e piu’ concretamente dalla mancanza di fondi. Tanto è che la Giunta sorda di fronte ai nostri appunti, appena ha potuto mettere mano alla seconda fase del Programma operativo val d’Agri, ha subito stanziato al somma di € 130.390,00 individuando  il direttore dei lavori e l’impresa con cottimo fiduciario. Riteniamo che entrambi abbiano contezza delle problematiche relative a quei lavori, quindi assumendo l’incarico hanno preso in cosiderazione tutte le variabili del caso. Noi faremo il nostro, in quanto riteniamo che in materia di edilizia scolastica non si debbano concedere deroghe e permettere supeficialità. “Siamo uomini o capolarati”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *