Home » SatriaNO ALLA DISCARICA » alleghiamo un commento sulla vicenda discarica

alleghiamo un commento sulla vicenda discarica

Un amico, Pio Abiusi, che ha lasciato un commento sul sito Ola in  proposito, si é informato su una questione analoga a Matera in merito  alla scadenza da considerare. Ecco il suo commento:

“l’Italia è bella perchè ognuno la vede come vuole. ha detto bene il  Sindaco che non essendosi costituito, a suo tempo, sul ricorso  presentato dall’imprenditore, non aveva modo di conoscere l’esistenza  della sentenza.
Venutone a conoscenza con la notifica accaduta il 23 Ottobre i termini  di prescrizione del ricorso sono 60 giorni e che scadono il 22  DICEMBRE ESSENDO OTTOBRE DI 31 GIORNI.

OGNI POLEMICA E’ ALTRESì INUTILE. SE IL COMUNE DI SATRIANO INTENDE  PRESENTARE RICORSO LO FACCIA IMMEDIATAMENTE SENZA FRAPORRE ulteriore  indugio.
Una malignità: i ricorsi si possono anche presentare per perderli,  come si conviene in certe circostanze.”

Secondo questo commento i termini scadono domani. Sul sito Ola potrai  leggere una nostra posizione in merito alla “querelle” che avrà  certamente strascichi futuri non sapendo se la Regione e il Ministero  dell’Ambiente e per esso l’Ente Parco dell’Appenino Lucano  presenteranno ricorso (secondo l’amico Pio loro e non altri hanno il 
tempo per avanzare istanza al Consiglio di Stato). Su questi due Enti  dovremmo fare pressing affinché presentino ricorso chiedendo che lo  facciano in modo documentato.

Ecco di seguito la nostra posizione di ieri :

Discarica di Satriano: in attesa del ricorso al Consiglio di Stato…
20 dicembre 2010

Mentre permane il giallo sulla data di scadenza dei termini di  presentazione del ricorso al Consiglio di Stato, secondo alcuni il 23  dicembre prossimo, secondo altri il 22 dicembre (calcolando 60 giorni  dalla data di notifica dell’atto a Regione e Ministero dell’Ambiente  il 23 ottobre 2010) e secondo il sindaco di Satriano a data  imprecisata (il Comune avrebbe ricevuto una semplice comunicazione  perché non costituitosi innanzi al Tar del Lazio),.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *