Home » DIALETTICA » AI SATRIANESI IL PEPERONCINO, AD ALCUNI IL DOLCE

AI SATRIANESI IL PEPERONCINO, AD ALCUNI IL DOLCE

Il comune di Satriano con delibera di Consiglio n.19 del 30.06.2015 ha di fatto sfrattato i bambini seguiti dalla coop ISKRA e concesso all’Accademia del Peperoncino, molto vicina all’ex sindaco, i locali comunali di Via De Gregorio. Una giunta si assume le conseguenze di decisioni politiche di tal genere, ne risponde di fronte ai cittadini e alle altre associazioni Satrianesi che invece non hanno sedi. Del resto è evidente che il sindaco ombra a Satriano è molto più’ immanente di quello che qualcuno sostiene, mette voce su tutto e decide, con in suoi bracci in giunta, su cosa fare e disfare. E’ polemica politica ognuno dice la sua. Ma qualcuno mi deve spiegare perché oggi ed ieri (12 e 13 ottobre) degli operai, almeno 4, stanno lavorando nei locali comunali, intervenendo sulle pareti, modificando impianti, facendo canaline ed altri interventi strutturali, senza che i lavori siano stati autorizzati da nessuno. Oggi ho fatto richiesta di accesso agli atti all’ufficio tecnico ho chiesto al responsabile dell’ufficio il quale mi ha confermato che non c’è nessuna autorizzazione o scia prodotta. Da quanto mi risulta il comune non ha avviato nessun intervento di ristrutturazione o ammodernamento dei locali. Allora, chi ha richiesto i lavori per la nuova sede dell’accademia del peperoncino? L’omonima associazione e con quale autorità o risorse? Perché non c’è nessuna autorizzazione o segnalazione di inizio attività agli atti, come ha dichiarato l’ufficio tecnico? Come possono alcuni operai iniziare dei lavori senza una tabella, una comunicazione scritta in una struttura comunale? Chi paga i lavori? Non vorremmo che i lavori fossero frutto di uno scambio alla buona tra prestazioni concesse in altri lidi e servizi regalati alla buona ai peperonati Satrianesi. Ma la vogliamo finire con il turarci il naso di fronte ad ogni impune nefandezza. Chi sta lavorando a nero nei locali si dovrebbe vergognare per prestassi a tale scambio che di culturale ed artistico ha veramente poco. Ma soprattutto chi comanda a Satriano? Su 5, il 6°? Consiglieri di maggioranza, volete tirar fuori le unghia, perché tollerate ancora di essere aggirati ed usati da latri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *