Home » INTERROGAZIONI, MOZIONI E PROPOSTE » ADSL WI-FI, GRATUITA O SEMI GRATUITA CHE FINE HA FATTO?

ADSL WI-FI, GRATUITA O SEMI GRATUITA CHE FINE HA FATTO?

il gruppo satriano Insieme ha presentato neL  luglio del 2009, una proposta per dotare Satriano con un sistema Adsl Wi-Fi semigratuito. Con 40 € annui per utente, si potrebbe avere il segnale internet su tutto il centro abitato. Ad oggi la proposta è stata riviata piu’ volte, infine discussa e votata in cosiglio comunale. Il comune ha deciso, al solito che la nostra poposta chiavi in mano gia funzionale ed operativa con dei costi minimi per l’Ente (poche migliaia di euro per la prima attivazione e con un sistema di ricarica per i cittadini con un coto annuo di € 40 annui e gratuito per associazioni,scuole, etc.) non idonea, in quanto l’oro gia avevano l’intenzione di fare la medesima cosa con un operatore gia individuato e con  un altro prtocollo, AD OGGI NON C’E’ NESSUNA TRACCIA DI QUESTO INNOVATIVO SISTEMA CHE DAREBBE CORPO ANCHE A TUTTE LE VELLEITA’ TURISTICHE, DI RILANCIO COMMERCIALE E IN GENERALE ALL’IMMAGGINE IMMATERIALE DI SATRIANO. DOPO 2 ANNI DALLA NOSTRA PRESENTAZIONE DI UN PROGETTO CHIUSO ed operativo NON DI UNA PROPOSTA IN TERMINI GENERALI. ANCORA UNA VOLTA A COSTO DI SEMBRARE PRESUNTUOSI, PRECORRIAMO I TEMPI, NELLA INSENSIBILITA’ DI CHI AMMINISTRA.

Nel frattempo, a dimostrazione della bontà della nostra proposta, noi non avevamo dubbi, il Ministro Meloni è così intervenuta nella questione:

NELL’AMBITO DEL DECRETO MILLEPROROGHE

INTERNET, MELONI: LIBERALIZZAZIONE WI-FI E’ PICCOLA GRANDE RIVOLUZIONE

 “Sara’ un piccola grande rivoluzione la liberalizzazione del wi-fi, conseguenza della decisione di non prorogare la validita’ del decreto Pisanu”. Lo dice il ministro della Gioventu’ Giorgia Meloni, a margine del consiglio dei ministri che oggi ha approvato il “decreto mille proroghe”.

“Da lungo tempo il mio ministero si batteva per la cancellazione di una normativa senza eguali nel mondo occidentale. Oggi la possibilita’ di sedersi al tavolino di un bar e connettersi alla rete con il proprio portatile e’ una consuetudine per i cittadini di tutte le nazioni sviluppate.

Gli stessi proponenti originari della norma – ricorda il ministro – avevano ammesso ormai da tempo la scarsissima utilita’ per il contrasto al terrorismo di questa norma, che invece si e’ rivelata un grave ostacolo per la diffusione del libero accesso alla rete, e dunque per lo sviluppo dell’Italia”.

“Il risultato del libero accesso al wi-fi – spiega la Meloni – e’ stato raggiunto anche grazie a tutti coloro che nel governo hanno condiviso questa battaglia: in primis il ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, Renato Brunetta. Una grazie particolare al ministro dell’Interno, Roberto Maroni, per aver colto la fondatezza delle tesi di chi chiedeva l’abrogazione di queste norme”.

Il ministro Meloni esprime soddisfazione anche per la norma che permette a un nutrito gruppo di laureandi in Ingegneria, provenienti dal vecchio ordinamento, di continuare a veder applicate le stesse regole del passato.

Per gli iscritti secondo il vecchio ordinamento, infatti in ragione del differente e piu’ gravoso percorso didattico, e’ stata riconosciutala possibilita’ di continuare a sostenere l’esame di Stato secondo le modalita’ antecedenti il d.P.R n. 328/2001, con la facolta’, inoltre, di essere iscritti a tutti i settori dell’albo professionale, senza essere costretti a svolgere un esame specifico per ogni settore.

“Si tratta di un dettaglio – commenta il ministro – che pero’ rende giustizia al percorso di studi di circa 30mila giovani ingegneri”.

il comune di Cancellara , nei giorni di Natale grazie alla Partnerschip della Vodafone ha posto le basi per diventare il primo paese lucano con il sistema Wi-Fi diffuso sul territorio,  di fatto facendo perdere a Satriano l’occasione storica di essere il primo comune in regione capace di dotarsi di un importante e fondamentale strumento di reale crescita.

NON E’MAI TROPPO TARDI, MA DUBITIAMO CHE QUALCUNO POSSA RAVVEDERSI

 

MOZIONE ADSL GIUGNO.doc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *