Home » TRAFFICO E SICUREZZA » A SATRIANO DI LUCANIA, UNICO PAESE AL MONDO, C

A SATRIANO DI LUCANIA, UNICO PAESE AL MONDO, C

 

Il piano traffico a Satriano di Lucania, oltre ad essere inefficace ed arrecare una serie di disagi a cittadini e visitatori, presenta una certa fantasia nei dettagli e tutta una serie di stranezze frutto di un piano poco lucido e dalla logica automobilistica, degna dei primi anni del ‘900.C’è una stradina, via casale nuovo, stretta, come tante stradine, strette che si trovano nei paesini, presepe, di Basilicata. La strada è a senso unico, a scendere. Si innesta, alla fine del rapido percorso, dopo un’attenta guida per evitare gradini, spigoli o fioriere che arricchiscono ed arredano le nostre viuzze, con Corso Trieste, unica strada satrianese relativamente larga, ma anch’essa da alcuni mesi a senso unico. Ebbene alla fine della strada, come da logica, compare il cartello di divieto, per chi volesse risalirla in senso contrario. Tutto nella norma? No, nel nuovo piano traffico non vi una cosa secondo norma, o secondo consuetudine. Ecco perché sotto il canonico cartello di divieto compare la scritta:”Eccetto residenti”. La dicitura, badate , solo apparentemente innocua e permissiva, è a dir poco diabolica. Infatti chi glie lo dice a quelli che scendono che sta per salire una macchina in senso contrario? Anche se è una macchina di residenti, non minimizza gli esiti di un probabile incidente. Forse, hanno previsto, come si faceva agli inizi dell’ultimo secolo, del passato millennio in america, la presenza di uomini a piedi, i quali con lampade e campane precedevano l’incedere delle automobili per segnalare il pericolo ai pedoni, in questo caso alle macchine che scendono, secondo, il normale, senso unico. Noi suggeriamo di aggiungere anche un banditore, tipico della tradizione, atropica, del paese, il quale munito di corno, potrebbe avvertire gli ignari automobilisti in discesa al grido: “tu..tu..sentite lu bannu, lavative ra nanzi che arrivano li residenti..”. Se una strada è a senso unico, non vi può essere una categoria di automobilisti piu’ unici di altri, anche se residenti. Come faranno due macchine in una stradina così stretta a passare? Forse quella dei residenti, per il piano traffico voluto dagli amministratori di Satriano, improvvisamente diventano invisibili e permeabili?. Eppure è tutto vero:”tu..tu…venite a Satriano pe’ verificari… .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *