Home » DIALETTICA » SI RIAPRE IN PAESE IL DIBATTITO PER I SENSI UNICI SENZA SENSO

SI RIAPRE IN PAESE IL DIBATTITO PER I SENSI UNICI SENZA SENSO

E’ una discussione lunga , iniziata nella campagna elettorale del 2009, tutti hanno preso posizioni, prima favorevoli, poi indecisi, poi possibilisti, fino a promettere un intervento radicale in caso di vittoria. Tutti sigillano, tutti rimuginano, la verità è che ammettere che quella decisione è stata scorretta dal punto di vista sia logistico che funzionale fa male ad alcune persone! L’attuale amministrazione ha più’ volte di voler modificare, per poi trovare scuse davanti ad una petizione spontanea presentata da chi scrive adducendo scuse ridicole, facendo le pulci alle firme quando gli stessi tollerano “compresenze” e ubiquità etiche, formali e funzionali! Il paese è spento, non certo per l’errato piano traffico, ma per una serie di scelte  strategiche che partono da alcuni decenni e al netto dei nostalgici la storia darà responsabilità precise quanto prima, una involuzione della qualità della vita generale nel paese ha fatto anche il suo, cosa dire della dirompete crisi occupazionale che a Satriano tocca punte superiori a paesi dove c’è ancora un vocazione commerciale, artigianale o paraindustriale, in altri paesi pensarono a costruire un strada in meno , ma a far arrivare aziende come Ferrero o a dare la ad una vocazione imprenditoriale che ora da lavoro a centinaia di famiglie nei vari paesi. Satriano invece ha visto perdere anche quella vocazione commerciale e di  servizi che vedeva arrivare amici da paesi come Savoia, Sant’Angelo e Tito. Qui i sensi unici hanno fatto la loro parte intristendo un paese, rendendolo protagonista poche volte durante l’anno per iniziative estemporanee e per quel’ attrattore religioso che è San Rocco. Il paese è triste il resto dell’anno. Se le vie, le viuzze, gli scorci più’ nascosti hanno e avranno sempre quel fascino caratteristico con e senza abitanti, una delle vie Storiche dello struscio, del passeggio e delle compere, Corso Trieste, hanno ragione i tanti se ora la chiamano Corso Triste. W le cose normali! E come dico dal 2009 come è mai possibile che in un paese normale corso Trieste è a senso unico e San Martino e il Paschiero sono invece a doppio senso!

 PASCHERO copiaTRIESTE copia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *