Home » NUOVA RACCOLTA DIFFERENZIATA » IERI LA RIUNIONE DEI CAPI GRUPPO HA APPROVATO LA PROPOSTA DI RIDURRE LA TARI DEL 5% ALLE FAMIGLIE CON UNA PERSONA DISABILE

IERI LA RIUNIONE DEI CAPI GRUPPO HA APPROVATO LA PROPOSTA DI RIDURRE LA TARI DEL 5% ALLE FAMIGLIE CON UNA PERSONA DISABILE

12985632_10207968914892360_5665881212844482077_nIERI IN CONFERENZA DEI CAPI GRUPPO, ABBIAMO APPRESO CHE E’ STATA RECEPITA LA MIA PROPOSTA(BOCCIATA ALCUNI ANNI FA) E SARA’ APPLICATA UNA RIDUZIONE DEL 5% SULLA PARTE VARIABILE DELLA TARI A TUTTE QUELLE FAMIGLIE CON UNA PERSONA DISABILE “ex legge 5 febbraio 1992 n. 104 articolo 3 comma 3, o soggetto con invalidità civile ai sensi dell’art. 20 della legge 3 agosto 2009 n 102 (invalidità ultra sessantacinquenne con necessità di assistenza continua, non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita (L.508/88) o invalido con totale e permanente inabilità lavorativa 100% e con necessità di assistenza continua non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita (l.18/80 e L.508/88”

PER ONESTA’ INTELLETTUALE CHE MI CONTRADDISTINGUE RIPORTO LA NOTIZIA  ELOGIANDO, QUESTA VOLTA,  LA POSIZIONE DELLA MAGGIORANZA

ECCO IL POST PRECEDENTE

MARTEDì, PROPORRO’, CONCRETAMENTE, NELLA NUOVA RIMODULAZIONE DEL REGOLAMENTO IUC E PRECISAMENTE NELLA PARTE RIFERITA ALLA TARI(ES TARSU, TARES: SPAZZATURA) UNA RIDUZIONE DELLA TARI DAL 5 AL 30% PER I NUCLEI FAMILIARI CON UNA PERSONA DISABILE. RICORDO CHE LA MEDESIMA COSA FU DA ME PROPOSTA NEL 2013 E FU BOCCIATA DALL’ALLORA MAGGIORANZA, SPERO DI TROVARE UN’ALTRA SENSIBILITA’ IN MERITO.

CHI DOVREBBERO E POTREBBERO ESSERE I BENEFICIARI: riduzioni a favore di quei nuclei familiari in cui siano presenti componenti disabili o invalidi. 1) Riduzione della quota fissa dal 5% al 30% a favore delle famiglie tra i cui componenti è presente: una persona disabile, ex legge 5 febbraio 1992 n. 104 articolo 3 comma 3, o soggetto con invalidità civile ai sensi dell’art. 20 della legge 3 agosto 2009 n 102 (invalidità ultra sessantacinquenne con necessità di assistenza continua, non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita (L.508/88) o invalido con totale e permanente inabilità lavorativa 100% e con necessità di assistenza continua non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita (l.18/80 e L.508/88)”.
I cittadini che volessero beneficiare delle agevolazioni previste da questa proposta dovranno presentare domanda ai sensi di uno specifico art. del regolamento IUC 2016 del Comune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *